Seguici su:

Esplora contenuti correlati

Privacy

Informativa per il trattamento di dati personali
Articoli 13, 23 e 26 del D.Lgs. 196/2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali" e Ss. Mm.
 
Il codice unico della privacy
Il Decreto Legislativo (D.Lgs.) 30 giugno 2003 n. 196 regola la protezione dei dati personali ed impone una serie di obblighi per chi "tratta" informazioni riferite ad altri soggetti. La norma in questione intende come trattamento "qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la
diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati" (art. 4 comma 1, lettera a).
 
Finalità
Per adempiere a quanto previsto dall'art.13 (Informativa) del D.Lgs. 196/2003, i dati raccolti dall’ I.A.C.P. di Catania sono utilizzati per lo svolgimento delle funzioni istituzionali e per le finalità specifiche del procedimento per il quale sono dichiarati, nei limiti stabiliti dalle leggi e dai regolamenti. Più in particolare il trattamento dei dati concernenti la persona o l’azienda/ente, di cui siamo in possesso, che saranno richiesti o che ci verranno comunicati anche da terzi, sarà svolto in esecuzione di: instaurazione di un rapporto contrattuale; gestione di servizi abitativi immobiliari pubblici e privati tramite convenzioni o incarichi; raccolta DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) ai fini della determinazione del valore ISE (Indicatore Situazione Economica) e ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente); tenuta della contabilità clienti e fornitori; fatturazione; domiciliazione di conti correnti bancari o postali; ricerche di mercato; invio di materiale informativo; pubblicazione dei dati ritenuti d'interesse pubblico e per soddisfare gli obblighi previsti dalle norme di legge, civilistiche e fiscali.
 
Modalità di trattamento
I dati sono trattati con modalità prevalentemente informatizzate e nel rispetto delle finalità perseguite dall'azienda.
I soggetti autorizzati all'assolvimento di tali compiti, sono costantemente identificati, opportunamente istruiti e resi edotti dei vincoli imposti dalla legge. Essi operano con l'impiego di misure di sicurezza atte a:
- garantire la riservatezza del soggetto interessato cui i dati si riferiscono;
- evitare l'indebito accesso a soggetti terzi o a personale non autorizzato.
 
I dati personali
Il D.Lgs. 196/2003 definisce dati personali "qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione identificati o identificabili, anche indirettamente mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale" (art. 4, comma 1, lettera b).
Il consenso relativo al trattamento dei dati personali non è richiesto, in quanto necessario all'adempimento di obblighi previsti dalla legge, dai regolamenti o dalla normativa comunitaria. Il conferimento dei dati personali è obbligatorio. L'eventuale mancato conferimento comporta l'impossibilità di usufruire delle prestazioni fornite dall’Istituto, nonché conseguenze di carattere amministrativo.
 
I dati sensibili
In occasione di tali trattamenti l’Istituto può venire a conoscenza di dati che il D. Lgs. 196/2003 definisce sensibili, cioè i "dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale" .
Le suddette finalità possono comportare la necessità/opportunità di trattare dati (anche "sensibili") relativi ad altri soggetti (es. coniuge, figli, persone a carico). Il conferimento dei dati sensibili è facoltativo. L'interessato deve fornire tali dati se intende godere di benefici derivanti da particolari condizioni desumibili dai dati sensibili.
 
I dati giudiziari
L’Istituto può venire anche a conoscenza di dati che il D. Lgs. 196/2003 definisce giudiziari, ossia di "dati personali idonei a rivelare provvedimenti di cui all'art. 3 comma 1, lettere da a) a o) e da r) a u), del DPR 14 novembre 2002, n. 313, in materia di casellario giudiziario, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato ai sensi degli articoli 60 e 61 del codice di procedura penale" (art. 4, comma 1 lettera e).
 
Ambiti di comunicazione dei dati
I dati personali potranno eventualmente essere comunicati alle categorie ed ai soggetti di seguito indicati:
1. Enti pubblici (Comuni, Provincia, Regione Sicilia, Amministrazioni Statali);
2. Organizzazioni sociali;
3. Enti ed organismi di assistenza socio/sanitaria;
4. Organizzazioni sindacali a cui sia stata conferito specifico mandato;
5. Associazioni sindacali;
6. Organi giudiziari;
7. Banche ed Istituti di credito;
8. Imprese di assicurazione;
9. Ordini e collegi professionali;
10. Consulenti e liberi professionisti;
11. Società di trasmissione dati;
12. Società di consulenza e di indagine statistica;
13. Società ed enti erogatori di servizi agli immobili;
14. Società e professionisti che svolgono prestazioni di servizi accessori ai contratti posti in essere.
 
I diritti dell'interessato
L'interessato, in conformità a quanto previsto dagli articoli 7, 8, 9 e 10 del D.Lgs. 196/2003, può accedere ai propri dati personali per verificarne l'utilizzo o, eventualmente, per correggerli, aggiornarli, nei limiti previsti dalla legge, ovvero per cancellarli od opporsi al loro trattamento, se trattati in violazione di legge. In particolare può: conoscere l'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la loro comunicazione in forma intelleggibile; essere
informato sul titolare, sul responsabile del trattamento, sulle finalità e sulle modalità del trattamento, sui soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco degli stessi; opporsi per motivi legittimi al trattamento dei dati, salvi i limiti stabiliti dalla legge e opporsi all'invio di materiale
pubblicitario e per il compimento di ricerche di mercato.
 
A chi rivolgersi per avere informazioni
Il titolare del trattamento è "Istituto Autonomo Case Popolari" avente sede in Via Dott. Consoli n° 80 - 95024 Catania
I responsabili del trattamento dei dati personali sono:
- il Direttore Generale dott. arch. Calogero Punturo;
- i Dirigenti e i Capi Servizio.
La figura di riferimento a cui rivolgersi per avere informazioni sull'utilizzo dei dati personali è il Capo Servizio U.R.P. Dott.ssa Giuliano Giuseppa - tel/fax 095-7302228
 
torna all'inizio del contenuto